Chinetosi: Rimedi contro il mal d’auto

Bambino che soffre il mal d'auto

La chinetosi o cinetosi è un disturbo noto anche come “malattia da movimento” che provoca una serie di sintomatologie che si manifestano durante viaggi, tragitti o spostamenti su vari mezzi come automobili, navi e aerei. Infatti la patologia non è strettamente correlata alla sola automobile, ma può presentarsi su ogni mezzo di trasporto, con la sola eccezione dei treni. Per questi motivi la cinetosi è anche chiamata malessere da movimento.

Questa patologia è causata da una forte sollecitazione delle strutture dell’equilibrio che si trovano nell’orecchio interno, ovvero l’apparato vestibolare, il quale è particolarmente sensibile.

Il vestibolo è l’organo deputato al mantenimento dell’equilibrio. Quando siamo in movimento su un mezzo di trasporto, il vestibolo percepisce lo spostamento e invia dei segnali nervosi al cervello. Dal canto suo, il cervello va in “tilt” a causa dei segnali contrastanti. Il risultato di questa condizione è l’aumento della secrezione gastrica che porta alla nausea e infine al vomito.

I bambini soffrono maggiormente la cinetosi in quanto il loro vestibolo non si è ancora sviluppato del tutto e il loro organismo è sottoposto ad uno stress più intenso.

Sintomi della cinetosi

La cinetosi è un disturbo neurologico che colpisce alcuni individui dopo essere stati sottoposti a movimenti ritmici e irregolari del corpo, per questo motivo può manifestarsi anche in mezzi come la nave, l’aereo e il treno. I bambini, in particolare, possono essere colpiti da questo disturbo anche durante le attività di gioco come le giostre e le altalene.

I sintomi più comuni di questa condizione sono mal di testa, vertigini, vomito e nausea che possono essere maggiormente accentuati in presenza di leggere malformazioni dell’apparato vestibolare situato nell’orecchio interno. Di conseguenza tale sintomatologia può peggiorare in presenza di stimoli visivi oppure olfattivi.

Tra gli altri sintomi diffusi vi sono sudorazione fredda, pallore e agitazione che inducono il soggetto colpito ad uno stato di malessere generale. Nei casi più gravi può anche manifestarsi un aumento o abbassamento della pressione sanguigna, nonché disidratazione.

Solitamente i disturbi da cinetosi scompaiono da soli al termine del viaggio e non provocano alcun tipo di conseguenza. Tuttavia è fondamentale non sottovalutare questo disagio per le persone a rischio come i cardiopatici.

Suggerimenti per la prevenzione

È buona norma che i soggetti che tendono a soffrire di cinetosi seguano delle accortezze specifiche durante i viaggi. In primis, è fondamentale evitare di leggere e moderare i movimenti sia della testa che del corpo, quindi è consigliabile assumere una posizione supina e mantenere la testa ferma. Allo stesso modo è importante non fissare altri oggetti in movimento, evitando di giocare con lo smartphone o fissare le onde. Concedersi un pisolino è sicuramente una valida soluzione per sfuggire al problema e non fissare i punti circostanti durante gli spostamenti, soprattutto se si tratta di lunghi tragitti.

Anche il ricambio d’aria svolge un ruolo fondamentale. È bene dunque evitare di mantenere elevate le temperature all’interno dell’abitacolo arieggiando spesso l’ambiente.

Prima di affrontare un viaggio è meglio consumare un pasto leggero e non appesantire lo stomaco, mangiando di tanto in tanto del cibo secco come grissini o crackers, evitando di bere.

Trattamento farmacologico e rimedi naturali

Non esistono delle soluzioni specifiche per risolvere il problema della cinetosi, tuttavia si possono adottare dei provvedimenti utili ed efficaci che aiutano ad alleviare tale disturbo.

Si può ricorrere all’assunzione di specifiche gomme da masticare reperibili in farmacia. Il principio attivo contenuto in questi chewing gum si può trovare anche sotto forma di capsule o supposte. Queste soluzioni non comportano alcun tipo di effetti collaterali e possono essere assunte sia dai bambini che dagli adulti, purché i più piccoli abbiano superato i 4 anni di età. Tuttavia, trattandosi di medicinali è buona norma consultare sempre il proprio pediatra.

In alternativa è possibile optare per dei cerotti anti-nausea da applicare dietro l’orecchio: l’effetto può persistere per tre giorni, ma sono controindicati per i bambini al di sotto dei 12 anni.

Uno dei principali rimedi naturali contro la cinetosi è lo zenzero, grazie alla sua potente azione digestiva in grado di contrastare la nausea. È possibile assumerlo in varie forme come pasticche o gomme, reperibili in tutte le erboristerie o farmacie, ma si può anche assumere sotto forma di biscotti, tisane o caramelle che si possono trovare in qualsiasi supermercato.

Inoltre per prevenire il mal d’auto è consigliabile sedersi sempre nel posto più stabile del veicolo, quindi per le persone più a rischio è meglio passare avanti.

Infine, guidare potrebbe rivelarsi una valida soluzione per prevenire il problema, poiché in questo modo si ha il compito di guardare in avanti e di focalizzarsi sugli oggetti lontani, evitando i movimenti della testa.